sabato, Maggio 18, 2024
HomeSpettacolo e GossipAretha Franklin: la battaglia legale tra i figli per l'eredità

Aretha Franklin: la battaglia legale tra i figli per l’eredità

Quando Aretha Franklin è morta di cancro al pancreas nell’agosto 2018, si pensava che non avesse lasciato testamento per una proprietà del valore di milioni.

Ma mesi dopo, i testamenti scritti a mano sono stati trovati in un armadietto e sotto un cuscino del divano nella sua casa nella periferia di Detroit, nel Michigan.

Una giuria determinerà ora quale dei due documenti dovrebbe essere considerato l’ultimo testamento valido della Regina dell’Anima.

Il processo è iniziato lunedì e dovrebbe durare meno di una settimana.

Una giuria di sei persone presso il tribunale di successione della contea di Oakland ascolterà i testimoni, inclusi i bambini Franklin, sua nipote Sabrina Owens e un’esperta di calligrafia.

Vincitrice di 18 Grammy Award, Franklin ha registrato dozzine di canzoni in cima alle classifiche ed è stata la prima donna inserita nella Rock & Roll Hall of Fame.

Ma la cantante nota per successi come Think, I Say a Little Prayer e Respect era estremamente riservata riguardo alle sue finanze e si dice che abbia resistito alla preparazione di un testamento formale nonostante anni di cattiva salute.

Quando morì all’età di 76 anni, l’assenza di testamento significava che i suoi beni – tra cui case, automobili, pellicce e gioielli – dovevano essere equamente divisi tra i suoi quattro figli.

Ma nove mesi dopo la sua morte, i testamenti sono stati scoperti a casa sua.

Aretha Franklin: il testamento ritrovato

Un figlio sostiene che i documenti datati giugno 2010 e trovati all’interno di un armadietto chiuso a chiave siano il vero testamento.

Altri due figli affermano che un testamento datato marzo 2014 e trovato in un quaderno a spirale sotto i cuscini del divano dovrebbe avere la precedenza.

Lunedì, il giudice Jennifer Callaghan ha detto ai giurati che l’unica decisione che dovevano prendere era se il documento del 2014 potesse essere accettato come testamento valido.

Nonostante le loro differenze, entrambi i documenti vedrebbero i figli condividere le entrate dalla musica e dai diritti d’autore di Franklin.

Ogni versione era scarabocchiata a mano e difficile da decifrare, con parole cancellate e annotazioni a margine. Una tale condizione li renderebbe inammissibili nella maggior parte degli stati, ma la legge del Michigan consente testamenti scritti a mano purché soddisfino altri criteri.

Theodore White II – il terzo figlio di Franklin, sostiene che il documento autenticato di 11 pagine del 2010 è il testamento valido.

Quella versione lo elenca come co-esecutore testamentario o rappresentante personale della tenuta, insieme alla signora Owens, la nipote. Chiede inoltre a Kecalf ed Edward Franklin, secondo e quarto figlio della cantante, di “prendere lezioni di economia e ottenere un certificato o una laurea” se desiderano beneficiare della proprietà.

La battaglia legale

Nel frattempo, Kecalf ed Edward sostengono che la versione del 2014 è il testamento principale della madre.

Kecalf sostituisce suo fratello come co-esecutore testamentario nel documento di quattro pagine. Lui e i suoi nipoti avrebbero anche ereditato la villa recintata di sua madre da 1,2 milioni di dollari (934.000 sterline), una casa descritta dall’avvocato di Edward come “il gioiello della corona”.

Il documento più recente prevede inoltre che gli abiti di Franklin vengano messi all’asta o consegnati allo Smithsonian Institute di Washington.

Clarence Franklin, il figlio maggiore, non è coinvolto nella disputa. Vive in una struttura di residenza assistita nel Michigan ed è sotto tutela legale.

Un avvocato del suo tutore ha detto alla BBC che non parteciperanno al processo e “hanno raggiunto un accordo che concede a Clarence una percentuale del patrimonio indipendentemente dall’esito della contestazione del testamento”.

La frattura familiare aveva precedentemente spinto la signora Owens a dimettersi dall’incarico di rappresentante del patrimonio di sua zia.

“Dato l’amore per la famiglia e il desiderio di privacy di mia zia, questo non è quello che avrebbe voluto per noi, né è quello che voglio io”, ha scritto in una dichiarazione del tribunale del 2020.

“Amo i miei cugini, non nutro alcuna animosità nei loro confronti e auguro loro il meglio.”

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli