lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCuriositàCome mai il polpo cambia colore e forma?

Come mai il polpo cambia colore e forma?

Avete mai visto un polpo cambiare colore? Non c’è dubbio che i polpi siano i maestri assoluti del camuffamento. Con la capacità di cambiare rapidamente i loro colori e la loro forma, l’intelligenza di sfruttare il loro ambiente a loro vantaggio e l’abilità di mimetizzarsi con altri oggetti, i polpi sono straordinari! Ma come fanno? Diamo un rapido sguardo a alcune delle capacità dei polpi.

Cromatofori – Assorbitori di luce Appena sotto la loro pelle

I polpi hanno migliaia di cellule chiamate cromatofori. Ognuna di queste cellule ha una piccola sacca piena di un pigmento rosso, arancione, marrone, giallo o nero e, stirando o comprime queste sacche, possono cambiare rapidamente la luminosità di ciascuno di questi colori. Tutti i cefalopodi, come il calamaro bobtail, hanno cromatofori per segnalare e camuffarsi.

Iridocfori – Piegatori di luce Sotto i cromatofori

Si trova uno strato specializzato di cellule che svolgono un ruolo nella riflessione della luce circostante, permettendo a un polpo di adattarsi ancora di più alle sfumature circostanti. Queste cellule iridocfore sono piene di centinaia di strutture minuscole simili a specchi chiamate riflessosomi che riflettono la luce verso l’alto attraverso la pelle del polpo, permettendo ai colori di apparire più brillanti se desiderato.

Queste superfici riflettenti sono anche responsabili dell’aggiunta di sfumature di blu e verde alla colorazione del polpo, poiché i suoi pigmenti non sono in grado di produrre questi colori.

Nervi che innervano gli Iridocfori nella pelle di un calamaro

Sulla superficie, questa luce dispersa appare sempre bianca, ma in acque più profonde consente al polpo di disperdere passivamente la luce in qualsiasi lunghezza d’onda presenti nel suo ambiente – fornendo un camuffamento passivo se il polpo viene colto alla sprovvista. L’intensità di questo strato riflettente è controllato dai cromatofori superiori, fornendo al polpo ulteriori opzioni di colore, incluse le mimetiche di disturbo se desiderato.

Papille – Modificatori di consistenza

Oltre a tutti quei riflettori e pigmenti, la pelle del polpo ha anche la capacità di modificare rapidamente la sua texture utilizzando piccoli fasci di muscoli chiamati papille. I muscoli in questi fasci formano una rete, con alcuni che corrono radialmente e altri in cerchio, consentendo a zone di pelle di essere rapidamente lisciate o sollevate se necessario – un po’ come i brividi (solo molto più utili). Le abilità sopra descritte sono rese ancora più notevoli dal controllo fine i polpi hanno su questi elementi individuali.

Probabilmente sapete già che i polpi sono uno degli animali più intelligenti sulla Terra, quindi queste abilità potrebbero non sorprendervi. Ma, cosa succederebbe se vi dicessimo che i polpi sono in realtà daltonici? È vero. I polpi hanno solo un tipo di recettore nei loro occhi, il che significa che sono completamente daltonici, vedono solo il mondo in tonalità di grigio. Fortunatamente, i polpi hanno due trucchi davvero divertenti nelle loro otto braccia per far fronte a questo.

Anche se non possono vedere i colori, possono sentirli. Utilizzando sostanze chimiche chiamate opsine, in piccoli filamenti sui loro bracci, i polpi possono percepire i colori attraverso i cambiamenti delle lunghezze d’onda della luce che raggiungono questi recettori.

Il loro secondo trucco consiste in quelle pupille stranamente sagomate. I fotografi hanno sentito parlare di aberrazione cromatica, una distorsione dei colori in una foto quando l’obiettivo non riesce a mettere a fuoco tutti i colori dell’immagine correttamente allo stesso tempo. I polpi, i calamari e le seppie usano i loro occhi per sfruttare questo fenomeno, dividono la luce e poi si concentrano su diverse parti di essa separatamente – anche se tutto ciò che vedono è grigio, “sanno” quale colore è perché sa quanto è distorto. Nessun altro animale fa nulla del genere!

Quindi, per concludere, ecco come un polpo si camuffa: usa i suoi occhi per vedere l’oscurità, la texture e la disposizione di una scena. Le sue pupille distorcono la luce per avere un’idea approssimativa del colore.

Tali informazioni vengono inviate dal suo cervello ai otto cervelli degli arti che aggiungono informazioni di colore dai loro minuscoli filamenti. Gli arti quindi decidono come colorare, deviare e diffondere la luce, mentre il cervello principale mantiene l’ordine nel sistema.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli