mercoledì, Giugno 12, 2024
HomeNewsElefante thailandese ritorna a casa dopo presunte torture in Sri Lanka

Elefante thailandese ritorna a casa dopo presunte torture in Sri Lanka

Un elefante thailandese, donato allo Sri Lanka nel 2001, è tornato nel suo luogo di nascita dopo una lite diplomatica per il suo presunto abuso.

Muthu Raja, questo il nome dell’elefante, è arrivato in Thailandia domenica con un volo di riparazione commerciale, come riporta la BBC News.

Sri Lanka, elefante thailandese torna in patria dopo presunte torture

Bangkok aveva chiesto la restituzione dell’elefante Muthu Raja, affermando che era stato torturato mentre era tenuto in un tempio buddista. Il primo ministro dello Sri Lanka ha dichiarato di essersi formalmente scusato con il re thailandese.

L’elefante di 4.000 kg è stato trasportato in aereo a Chiang Mai in una gabbia d’acciaio appositamente costruita, accompagnato da quattro addestratori thailandesi e un guardiano dello zoo dello Sri Lanka. Verrà sottoposto a idroterapia per curare un infortunio alla gamba anteriore sinistra.

Sia lo Sri Lanka che la Thailandia considerano gli elefanti animali sacri. Nel 2001 la famiglia reale thailandese ha donato tre elefanti, tra cui Muthu Raja, al governo dello Sri Lanka per essere addestrati come portatori di reliquie religiose.

Muthu Raja fu affidato alle cure di un tempio nel sud del paese. Ma i gruppi per i diritti degli animali affermano che è stato fatto lavorare con una squadra di disboscatori nel tempio. E hanno aggiunto che l’elefante ha avuto una gamba rigida a causa di una ferita a lungo trascurata.

La richiesta per riportare Muthu Raja in Thailandia

Il gruppo di attivisti con sede in Sri Lanka, Rally for Animal Rights and Environment (RARE), ha fatto pressioni lo scorso anno affinché i funzionari thailandesi intervenissero dopo mesi di tentativi falliti di convincere il governo dello Sri Lanka ad agire, ha detto il fondatore del gruppo Panchali Panapitiya.

La signora Panapitiya ha affermato che il fallimento dei funzionari della fauna selvatica dello Sri Lanka nell’agire ha portato “scredito” al paese, ha riferito The Independent. RARE ha anche chiesto alle autorità di perseguire i responsabili della negligenza dell’elefante.

Il ministro della fauna selvatica dello Sri Lanka, Pavithra Wanniarachchi, ha detto ai media locali che la Thailandia è stata “irremovibile” nel chiedere che Muthu Raja fosse restituito. Richiesta arrivata dopo che il suo ambasciatore in Sri Lanka lo aveva trovato in cattive condizioni di salute, durante una visita lo scorso anno.

Muthu Raja soffriva ed era coperto di ascessi quando è stato rimosso dal tempio lo scorso novembre, ha riferito AFP. E gli attivisti sostengono che il suo conduttore gli avrebbe inflitto alcune di quelle ferite.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli