sabato, Maggio 25, 2024
HomeNewsFacebook e Instagram limitano l'accesso alle notizie in Canada

Facebook e Instagram limitano l’accesso alle notizie in Canada

Meta ha affermato che inizierà a limitare le notizie sulle sue piattaforme, Facebook e Instagram, ai consumatori canadesi dopo che il parlamento ha approvato una controversa legge sulle notizie online.

Il disegno di legge obbliga le grandi piattaforme a compensare gli editori di notizie per i contenuti pubblicati sui loro siti.

Meta e Google hanno già testato la limitazione dell’accesso alle notizie ad alcuni canadesi.

Nel 2021, agli utenti australiani è stato impedito di condividere o visualizzare notizie su Facebook in risposta a una legge simile.

L’Online News Act del Canada, che giovedì ha autorizzato il senato, stabilisce regole che richiedono a piattaforme come Meta e Google di negoziare accordi commerciali e pagare le testate giornalistiche per i loro contenuti.

Meta ha definito la legge “una legislazione fondamentalmente viziata che ignora la realtà di come funzionano le nostre piattaforme”.

Giovedì, ha affermato che la disponibilità delle notizie sarà terminata su Facebook e Instagram per tutti gli utenti in Canada, prima che il disegno di legge entri in vigore.

“Un quadro legislativo che ci obbliga a pagare per link o contenuti che non pubblichiamo, e che non sono il motivo per cui la stragrande maggioranza delle persone utilizza le nostre piattaforme, non è né sostenibile né fattibile”, ha detto a Reuters un portavoce di Meta.

Facebook in Canada: cosa cambierà?

La società ha affermato che le modifiche alle notizie non avranno un impatto su altri servizi per gli utenti canadesi.

Google ha definito il disegno di legge “impraticabile” nella sua forma attuale e ha affermato che sta cercando di collaborare con il governo per trovare un “percorso in avanti”.

Il governo federale afferma che il disegno di legge sulle notizie online è necessario “per migliorare l’equità nel mercato canadese delle notizie digitali” e per consentire alle organizzazioni giornalistiche in difficoltà di “assicurarsi un equo compenso” per le notizie e i collegamenti condivisi sulle piattaforme.

Un’analisi del disegno di legge da parte di un organo di controllo del bilancio del parlamento indipendente ha stimato che le aziende giornalistiche potrebbero ricevere circa 329 milioni di dollari canadesi (250 milioni di dollari; 196 milioni di sterline) all’anno dalle piattaforme digitali.

All’inizio di questo mese, il ministro del Patrimonio canadese Pablo Rodriguez ha dichiarato a Reuters che i test eseguiti dalle piattaforme tecnologiche sono “inaccettabili” e una “minaccia”.

Meta e le notizie in Australia

In Australia, Facebook ha ripristinato i contenuti delle notizie per i suoi utenti dopo che i colloqui con il governo hanno portato a modifiche.

Giovedì, l’ufficio di Rodriguez ha dichiarato di aver incontrato sia Google che Facebook questa settimana e di aver pianificato ulteriori discussioni, ma il governo andrà avanti con l’attuazione del disegno di legge.

“Se il governo non può difendere i canadesi contro i giganti della tecnologia, chi lo farà?” ha detto in un comunicato.

I gruppi dell’industria dei media hanno salutato l’approvazione del disegno di legge come un passo verso l’equità del mercato.

“Il vero giornalismo, creato da veri giornalisti, continua a essere richiesto dai canadesi ed è vitale per la nostra democrazia, ma costa soldi veri”, ha affermato Paul Deegan, presidente e amministratore delegato di News Media Canada, un gruppo dell’industria dei media, ha dichiarato a una dichiarazione

L’Online News Act dovrebbe entrare in vigore in Canada tra sei mesi.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli