martedì, Maggio 21, 2024
HomePersonaggiGeorge Clooney: successo, riconoscimenti, matrimonio e vita cinematografica

George Clooney: successo, riconoscimenti, matrimonio e vita cinematografica

George Clooney, nome intero George Timothy Clooney, nato il 6 maggio 1961 a Lexington, Kentucky, Stati Uniti, è un attore e regista americano.

Il suo successo è arrivato negli anni ’90, conosciuto come popolare attore protagonista, per il suo aspetto piacevole e la sua versatilità. Successivamente è diventato un apprezzato regista e sceneggiatore.

Anche se la sua famiglia aveva un background nel mondo dello spettacolo – suo padre, Nick Clooney, era un giornalista radiotelevisivo, e Rosemary Clooney, sua zia, era una famosa cantante e attrice – Clooney inizialmente voleva diventare un giocatore di baseball.

Il successo come attore di George Clooney

Dopo un fallimentare provino con i Cincinnati Reds, si trasferì a Los Angeles all’età di 21 anni per intraprendere una carriera nel mondo della recitazione. Due anni dopo cominciò ad apparire in sitcom televisive. Sebbene George Clooney presto avesse ruoli ricorrenti nelle popolari serie The Facts of Life e Roseanne, la maggior parte dei suoi primi lavori televisivi erano facilmente dimenticabili. Nel 1994, tuttavia, ottenne una grande opportunità quando fu selezionato per interpretare il dottor Doug Ross nel dramma medico ER.

Dopo aver recitato in una serie di film, tra cui Batman & Robin (1997), The Peacemaker (1997) e Out of Sight (1998), Clooney lasciò ER nel 1999 per concentrarsi sulla sua carriera cinematografica.

Più tardi quell’anno apparve nel film acclamato dalla critica Three Kings. La commedia-drammatica si concentrava sui soldati americani alla fine della guerra del Golfo Persico. Clooney poi recitò nel bizzarro film dei fratelli Coen O Brother, Where Art Thou? (2000) e vinse il Golden Globe Award per la sua performance come fuggitivo.

Il prossimo film di Clooney, Ocean’s Eleven (2001), seguiva un gruppo di truffatori che facevano un colpo in un casinò. La sua interpretazione di Danny Ocean, il capo del gruppo, continuò nei sequel del film, Ocean’s Twelve (2004) e Ocean’s Thirteen (2007). George Clooney fece il suo debutto come regista durante una delle pause tra le riprese della trilogia Ocean’s con Confessions of a Dangerous Mind (2002), che era basato sulla vita di Chuck Barris, un presentatore televisivo che diceva di essere stato un killer per conto della Central Intelligence Agency (CIA).

I riconoscimenti

Nel 2006, George Clooney vinse il suo primo premio Oscar come miglior attore non protagonista per la sua interpretazione di un cinico agente della CIA in Syriana (2005). Il complesso thriller esaminava criticamente l’industria petrolifera e il suo impatto sugli affari internazionali. Clooney fu nominato come miglior regista e miglior sceneggiatore per Good Night, and Good Luck (2005). Il film, girato in bianco e nero e con materiale d’archivio reale, documentava la controversia fra il giornalista Edward R. Murrow e il senatore Joseph McCarthy. Entrambi i film riflettevano l’attivismo politico liberale di Clooney in crescita. Era impegnato in cause per porre fine alla povertà nel mondo e per fermare la crisi umanitaria nella regione del Darfur in Sudan.

Nel 2007 George Clooney ha recitato nel film acclamato dalla critica Michael Clayton, interpretando un avvocato d’azienda che supera i confini etici. L’anno successivo ha diretto e recitato nel film di calcio degli anni ’20 Leatherheads e successivamente ha ritrovato i fratelli Coen per Burn After Reading, una commedia della CIA in cui ha interpretato un maresciallo federale adultero.

La vita cinematografica

George Clooney ha poi recitato come soldato americano addestrato a usare il controllo mentale nella commedia The Men Who Stare at Goats (2009). Ha prestato la voce al personaggio principale in Fantastic Mr. Fox, una trasposizione cinematografica animata del libro per bambini di Roald Dahl.

In Up in the Air (2009), Clooney ha interpretato un consulente specializzato nel licenziare le persone. Ha impersonato un assassino in missione in Italia nel thriller The American (2010). Si è nuovamente spostato dietro la macchina da presa per il teso dramma politico The Ides of March (2011), dove si è scelto come candidato presidenziale in una campagna primaria spietata.

Nel 2017 Clooney ha diretto e adattato una sceneggiatura dei fratelli Coen per la commedia nera Suburbicon. Questa strattava della vita idilliaca di un sobborgo degli anni ’50 dove un episodio di frode assicurativa va storto. George Clooney è poi apparso come Scheisskopf in Catch-22 del 2019, una miniserie televisiva tratta dal romanzo di Joseph Heller. Nel 2020 ha diretto The Midnight Sky, un dramma fantascientifico postapocalittico in cui ha recitato come scienziato nell’Artico.

L’anno successivo ha diretto The Tender Bar, che si concentra sulla relazione tra un barista (Ben Affleck) e suo nipote. Il dramma si basava su una memoria di J.R. Moehringer. Più tardi ha recitato con Julia Roberts in Ticket to Paradise (2022), una commedia romantica su una coppia divorziata che cerca di fermare le nozze della loro figlia.

Clooney ha anche lavorato come produttore di vari programmi televisivi e film, tra cui il premio Oscar Argo (2012). In riconoscimento della sua carriera multifaceted, ha ricevuto il premio Cecil B. DeMille (un Golden Globe per il successo della vita) nel 2015 e un Kennedy Center Honor nel 2022.

Il matrimonio

Dopo il matrimonio (1989-93) con l’attrice Talia Balsam, Clooney giurò di non risposarsi mai più. In realtà dopo la seprazione ebbe diverse relazione che divennero materia prima per i tabloid. Nel 2014, però, sposò l’avvocato inglese di origine libanese Amal Alamuddin. La coppia ebbe due gemelli, Alexander ed Ella, nel 2017.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli