domenica, Maggio 19, 2024
HomeNewsPerché l'influenza aviaria è un rischio per l'uomo? La parola agli scienziati

Perché l’influenza aviaria è un rischio per l’uomo? La parola agli scienziati

Gli scienziati hanno scoperto una difesa chiave che blocca quasi tutta l’influenza aviaria quando tenta di invadere il nostro corpo.

L’influenza aviaria è stata coinvolta in quattro pandemie dal 1918, uccidendo milioni di persone.

La ricerca, condotta dall’Università di Glasgow, ha mostrato che le pandemie e le normali influenze invernali hanno evoluto modi per aggirare questa “potente barriera”.

Il team pensa che presto saremo in grado di prevedere quale delle influenze attualmente negli uccelli rappresenta il rischio maggiore.

Gli scienziati stavano indagando sugli eventi di spillover. Questi sono i momenti in cui una persona prende un’infezione da un animale. Questo salto tra le specie è un passo fondamentale all’inizio di una nuova pandemia.

In esperimenti di laboratorio, i ricercatori hanno scoperto una sezione del nostro codice genetico – il nostro DNA – che si attiva in risposta a un’infezione. Si chiama BTN3A3 (anche se anche i ricercatori ammettono “siamo bloccati” con un nome goffo).

I dati, pubblicati sulla rivista Nature, hanno mostrato che BTN3A3 è diventato attivo nel nostro naso, gola e polmoni e che ha ridotto la capacità di replicarsi dell’influenza aviaria.

La causa dell’influenza aviaria

La ricercatrice, la dott.ssa Rute Maria Pinto, ha affermato che “quasi tutte” le influenze aviarie non sono in grado di aggirare questa protezione, quindi “queste sono normalmente bloccate da essa, quindi non saltano”.

Ha aggiunto: “La grande maggioranza dei virus umani e di fatto tutti i virus pandemici finora, hanno resistenza a BTN3A3 quindi superano questo blocco e quindi infettano”.

C’è una possibilità costante che l’influenza aviaria faccia il salto nelle persone. C’è una varietà di virus influenzali negli uccelli selvatici e il pollame rappresenta un rischio elevato a causa dell’enorme numero di animali d’allevamento e della loro vicinanza alle persone.

Si pensa che la pandemia influenzale del 1918 sia iniziata negli uccelli e si stima che abbia ucciso 50 milioni di persone. I ricercatori hanno mostrato che una forma di influenza aviaria chiamata H7N9 ha sviluppato livelli più elevati di resistenza a BTN3A3 nel 2011 e nel 2012 prima che i primi casi umani emergessero nel 2013.

L’evoluzione dei modi per aggirare BTN3A3 è uno dei passaggi che un’influenza aviaria può intraprendere per infettarci con successo.

La visione dei ricercatori è quella di analizzare regolarmente – o sequenziare – il codice genetico dell’influenza che attualmente circola negli uccelli, identificare quelli pericolosi e affrontarli.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli