lunedì, Aprile 22, 2024
HomeNewsL'intelligenza artificiale addestrata a riconoscere i rifiuti per il riciclaggio

L’intelligenza artificiale addestrata a riconoscere i rifiuti per il riciclaggio

Con l’intelligenza artificiale il sistema del riciclaggio potrebbe subire un’importante svolta.

Secondo la Banca Mondiale, nel 2020 sono stati prodotti circa 2,24 miliardi di tonnellate di rifiuti solidi . Dice che la cifra dovrebbe aumentare del 73% a 3,88 miliardi di tonnellate entro il 2050.

La plastica è particolarmente problematica. Dall’inizio della produzione su larga scala del materiale negli anni ’50 fino al 2015, sono stati prodotti oltre 8,3 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica, secondo una ricerca delle Università della Georgia e della California.

Qualcuno che non troverà sorprendenti queste statistiche è Mikela Druckman. Ha passato molto tempo a guardare cosa buttiamo via, come fondatrice di Greyparrot, una start-up britannica che ha creato un sistema di intelligenza artificiale progettato per analizzare gli impianti di trattamento e riciclaggio dei rifiuti.

“In un solo giorno avrai letteralmente montagne di rifiuti in arrivo in una struttura, e ciò che è molto scioccante e sorprendente è che non si ferma mai”, dice. Non ci sono vacanze per i rifiuti, continuano ad arrivare”.

Greyparrot posiziona le telecamere sopra i nastri trasportatori di circa 50 siti di rifiuti e riciclaggio in Europa, utilizzando un software di intelligenza artificiale per analizzare ciò che passa in tempo reale.

Intelligenza artificiale e riciclaggio: cosa potrebbe cambiare

La tecnologia AI ha fatto passi da gigante nell’ultimo anno e la sua capacità di elaborare le immagini è ora molto sofisticata. Tuttavia, Druckman afferma che era ancora difficile addestrare un sistema per riconoscere la spazzatura.

“Un prodotto come una bottiglia di Coca-Cola, una volta che finisce nella spazzatura, sarà accartocciato, schiacciato e sporco, e rende il problema molto più complesso dal punto di vista dell’IA”.

I sistemi di Greyparrot ora tracciano 32 miliardi di rifiuti all’anno e l’azienda ha creato un’enorme mappa digitale dei rifiuti. Queste informazioni possono essere utilizzate dai gestori dei rifiuti per diventare più efficienti dal punto di vista operativo, ma possono anche essere condivise più ampiamente.

“Permette alle autorità di regolamentazione di avere una comprensione molto migliore di ciò che sta accadendo con il materiale, quali materiali sono problematici e sta anche influenzando il design del packaging”, afferma la sig.ra Druckman.

“Parliamo di cambiamento climatico e gestione dei rifiuti come cose separate, ma in realtà sono interconnesse perché la maggior parte dei motivi per cui stiamo utilizzando le risorse è perché non le stiamo effettivamente recuperando.

“Se avessimo regole più severe che cambiano il modo in cui consumiamo e il modo in cui progettiamo gli imballaggi, ciò avrebbe un impatto molto grande sulla catena del valore e sul modo in cui utilizziamo le risorse”.

Spera che i grandi marchi e altri produttori inizino a utilizzare i dati generati da aziende come GreyParrot e alla fine progettino prodotti più riutilizzabili.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli