domenica, Maggio 19, 2024
HomePersonaggiMatt Damon: vita privata e carriera

Matt Damon: vita privata e carriera

Matt Damon, nome intero Matthew Paige Damon, è nato l’8 ottobre 1970, a Cambridge, in Massachusetts, USA.

Oggi è attore, sceneggiatore e produttore americano noto per il suo bell’aspetto e le sue interpretazioni intelligenti. Ha vinto un Oscar per la migliore sceneggiatura originale per Good Will Hunting (1997).

Primi anni di vita e carriera

Matt Damon è cresciuto a Cambridge, nel Massachusetts, e ha frequentato la Cambridge Rindge e la Latin School, dove ha preso lezioni di recitazione. All’età di 18 anni ha ottenuto una piccola parte in Mystic Pizza (1988) e si è anche iscritto all’Università di Harvard come specialista in inglese.

Dopo essere apparso nel film televisivo Rising Son (1990), ha lasciato Harvard per intraprendere la carriera di attore a soli 12 crediti dalla laurea. Roles in School Ties (1992) e Geronimo: An American Legend (1993) hanno preceduto la sua acclamata interpretazione di un giovane soldato costretto a testimoniare su una battaglia durante la Guerra del Golfo Persico in Courage Under Fire (1996). Questa interpretazione ha attirato l’attenzione del regista Francis Ford Coppola, che ha scelto Damon come avvocato alle prime armi accanto a Danny DeVito in The Rainmaker (1997).

Celebrità: Good Will Hunting e la serie di Jason Bourne

Poiché la carriera di attore di Matt Damon ha avuto successo, ha anche perseguito la sceneggiatura. Con l’amico di lunga data Ben Affleck, ha sviluppato la sceneggiatura di Good Will Hunting (1997). Il film, basato su un atto unico che Damon aveva presentato per un corso ad Harvard. Questo è incentrato su un travagliato ma brillante abbandono scolastico di Boston. I coautori hanno convinto Miramax a farli recitare nel film insieme all’attore veterano Robin Williams. Il film ha ottenuto nove nomination all’Oscar, inclusa quella come miglior attore per Damon. Nel 1998, a 27 anni, ha vinto (con Affleck) l’Oscar per la migliore sceneggiatura originale.

Molto ricercato, Matt Damon è apparso in numerosi film alla fine degli anni ’90, tra cui Rounders (1998), il blockbuster della Seconda Guerra Mondiale di Steven Spielberg Salvate il soldato Ryan (1998) e Il talento di Mr. Ripley (1999) di Anthony Minghella. Dopo diverse delusioni al botteghino, Damon ha recitato in due serie di film che hanno riscosso un enorme successo.

Ha interpretato uno dei tanti truffatori che uniscono le forze nella trilogia di Ocean: Ocean’s Eleven (2001), Ocean’s Twelve (2004) e Ocean’s Thirteen (2007). I film, diretti da Steven Soderbergh, presentavano un cast stellare che includeva George Clooney e Brad Pitt. Nella serie di Jason Bourne – The Bourne Identity (2002), The Bourne Supremacy (2004), The Bourne Ultimatum (2007) e Jason Bourne (2016) – Damon ha interpretato un assassino amnesico addestrato negli Stati Uniti che cerca di svelare i segreti del suo passato.

Oltre ad essere successi commerciali, i film di Bourne si sono anche guadagnati il ​​plauso della critica per la loro intelligenza e ritmo cinetico.

The Departed, Invictus e True Grit

Gli altri ruoli di Matt Damon all’inizio del 21° secolo includevano un analista energetico che viene catturato nella parte inferiore dell’industria petrolifera in Syriana (2005) e un agente costretto a rinunciare alla sua vita familiare nei primi giorni della CIA in The Good di Robert De Niro. Pastore (2006).

Sempre nel 2006 Damon ha recitato al fianco di Leonardo DiCaprio e Jack Nicholson in The Departed. Il thriller poliziesco, diretto da Martin Scorsese, ha vinto un Oscar per il miglior film. Nel 2009 Damon ha prestato la sua voce a Ponyo, la versione inglese dell’animazione di Miyazaki Hayao Gake no ue no Ponyo (2008; “Ponyo on the Cliff”).

In seguito ha interpretato un informatore inaffidabile in The Informant! (2009), commedia diretta da Soderbergh. In Invictus (2009) di Clint Eastwood, Damon ha interpretato il ruolo del capitano della squadra di rugby sudafricana sollecitata da Nelson Mandela (interpretato da Morgan Freeman) a vincere la Coppa del mondo del 1995 per unire il paese diviso dalla razza; per la sua interpretazione, Damon ha ottenuto una nomination all’Oscar come miglior attore non protagonista.

Matt Damon ha continuato ad assumere una vasta gamma di ruoli negli anni 2010. È apparso come un arrogante Texas Ranger nel western acclamato dalla critica True Grit (2010), diretto dai fratelli Coen, e come un ufficiale dell’esercito canaglia alla ricerca di armi di distruzione di massa nel dramma sulla guerra in Iraq Green Zone (2010).

Nel 2011 ha recitato nel thriller The Adjustment Bureau, tratto da un racconto di Philip K. Dick; Contagion, il thriller di Soderbergh su un virus mortale; e We Bought a Zoo, adattato da un libro di memorie su una famiglia che si trasferisce in un parco faunistico. Damon ha poi scritto con la costar John Krasinski il dramma Promised Land (2012). Qui Damon interpretava un rappresentante di una compagnia del gas che cercava di ottenere i diritti di trivellazione in una comunità rurale.

Crediti successivi

Nel 2013, Matt Damon si è rivolto alla televisione per interpretare il giovane amante di un anziano Liberace (Michael Douglas) nel film biografico di Soderbergh Behind the Candelabra. È poi tornato al cinema con una serie di thriller di fantascienza, interpretando un ex detenuto che lotta per lasciare la Terra devastata nel distopico Elysium (2013), il capo di una società che tenta di dimostrare che l’universo alla fine collasserà su se stesso in The Zero Theorem (2013) di Terry Gilliam, e un disperato esploratore spaziale in Interstellar (2014) di Christopher Nolan.

Durante questo periodo Damon ha anche interpretato un membro dell’unità Monuments, Fine Arts, and Archives (MFAA), che ha rintracciato opere d’arte rubate dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, in The Monuments Men (2014).

Successivamente è stato scelto per interpretare un astronauta abbandonato su Marte in The Martian (2015) del regista Ridley Scott, che è valso a Damon una terza nomination all’Oscar per la recitazione. Dopo il deludente thriller fantasy The Great Wall (2016), Damon ha recitato nella commedia dark Suburbicon (2017) nei panni di un padre con motivazioni dubbie. I suoi altri crediti del 2017 includevano Downsizing, una satira fantascientifica in cui interpretava un uomo che si sottopone a una procedura medica che lo fa rimpicciolire. Damon ha realizzato cameo in film come Deadpool 2 nel 2018.

L’anno successivo ha recitato con Christian Bale in Ford v Ferrari, un dramma sulla 24 Ore di Le Mans nel 1966. Nel thriller Stillwater (2021), Matt Damon ha interpretato un padre americano che si reca in Francia per scoprire la verità dopo che sua figlia è stata accusata di aver ucciso la sua ragazza, un’accusa che lei nega.

Sempre nel 2021 ha recitato in The Last Duel di Scott, interpretando un cavaliere medievale la cui moglie (Jodie Comer) sostiene che uno scudiero (Adam Driver) l’ha violentata, provocando un processo per combattimento tra i due uomini. Damon ha scritto la sceneggiatura con Nicole Holofcener e Affleck, l’ultimo dei quali è apparso anche nel dramma d’azione.

Ha anche collaborato con Affleck al dramma sportivo Air (2023). Il film ampiamente apprezzato, diretto da Affleck, ha interpretato Damon nei panni di un dirigente della Nike che persegue un accordo di sponsorizzazione con un giovane Michael Jordan. Il cast stellare comprendeva anche Viola Davis nei panni della madre di Jordan e Affleck nei panni del cofondatore di Nike, Phil Knight. Air è stato il primo film distribuito da Artists Equity, una società di produzione formata da Damon e Affleck.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli