domenica, Maggio 19, 2024
HomeSpettacolo e GossipSciopero Hollywood: "La maggior parte di noi ha un secondo lavoro"

Sciopero Hollywood: “La maggior parte di noi ha un secondo lavoro”

Se stai aspettando con impazienza il nuovo film di Wicked o la prossima serie di Stranger Things, potresti aspettartene uno lungo poiché è in corso lo sciopero di Hollywood.

Alcuni dei più grandi film e programmi TV del mondo hanno messo in pausa la produzione, poiché attori e scrittori di Hollywood scioperano per la paga e si preoccupano dell’impatto che l’IA potrebbe avere sui posti di lavoro.

È la più grande chiusura del settore da oltre 60 anni, il che significa che oltre 170.000 lavoratori si rifiuteranno di svolgere qualsiasi parte del loro lavoro.

E gli A-listers sono usciti in piena forza, cambiando il tappeto rosso per i picchetti.

Attori come George Clooney e Jennifer Lawrence si sono uniti allo sciopero e alcuni, come Jason Sudeikis, si sono presentati a picchetti fuori dai grandi studi, tra cui Disney e Netflix.

Ma lo sciopero non sta colpendo solo le star del settore: sono i nomi che potrebbero non aver mai calcato un tappeto rosso o essere apparsi in un film di successo.

Sciopero di Hollywood: l’effetto della pandemia nello spettacolo

L’attrice e produttrice Liz Lafontant si è trasferita da Orlando a Los Angeles durante la pandemia nella speranza di perseguire il suo sogno senza un agente.

Ha finito per ottenere un ruolo da guest star ricorrente in Bruh di Tyler Perry e un altro ruolo nel dramma televisivo The Oval.

Ma dice che il lavoro ha iniziato a “diminuire” dopo questo e ha iniziato a lavorare come assistente personale.

Dopo la pandemia, afferma che l’ascesa dello streaming ha avuto un “effetto significativo” sul suo stipendio e molti degli attori in sciopero non possono permettersi l’assistenza sanitaria.

“Proprio come chiunque altro nel mondo, la maggior parte di noi ha un lavoro quotidiano o un’altra forma di reddito perché non è sostenibile”, afferma.

“Quelli che vedi sui tappeti rossi e questi film di successo stanno guadagnando una quantità considerevole, ma la maggior parte no”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli