domenica, Aprile 21, 2024
HomeSpettacolo e GossipSean Penn solidarizza con gli sceneggiatori americani in sciopero e attacca l'IA:...

Sean Penn solidarizza con gli sceneggiatori americani in sciopero e attacca l’IA: “Un’oscenità umana”

Sean Penn definisce l’intelligenza artificiale una “oscenità umana” e critica l’associazione dei produttori definendola una “associazione dei banchieri“.

L’attore è intervenuto a sostegno degli sceneggiatori di Hollywood, come riporta Variety: le sue parole durante il Festival di Cannes.

Sean Penn a sostegno dei sceneggiatori di Hollywood

Sean Penn ha mostrato solidarietà alla WGA, l’associazione degli sceneggiatori d’America, i cui membri sono attualmente in sciopero per richiedere salari e condizioni di lavoro migliori nell’era dello streaming.

L’industria ha stravolto gli scrittori, gli attori e i registi per molto, molto tempo“, ha detto l’attore durante la conferenza stampa per il suo ultimo film Black Flies, in concorso al Festival di Cannes.

Il mio pieno supporto è all’associazione degli sceneggiatori. Ci sono molti nuovi concetti che vengono lanciati, incluso l’uso dell’IA. E mi sembra semplicemente un’oscenità umana“.

Penn ha anche criticato la PGA, l’associazione dei produttori d’America: “La prima cosa che dovremmo fare è cambiare l’associazione dei produttori e nominarla per come si comportano, ovvero l’associazione dei banchieri. È difficile per così tanti scrittori e persone del settore che non possono lavorare“.

Black Flies, il nuovo film presentato a Cannes

Il giorno prima, Black Flies è stato presentato in anteprima al Palais, dove ha ricevuto una standing ovation di cinque minuti.

Diretto da Jean-Stéphane Sauvaire, la storia segue il giovane paramedico Ollie Cross (Tye Sheridan), che sogna di andare alla facoltà di medicina.

Ma fa fatica a studiare mentre viene spinto nel lavoro intenso e mentalmente faticoso di rispondere alle chiamate di emergenza a Brooklyn. Sean Penn interpreta un veterano incallito.

È stato un modo per capire la città e i suoi abitanti”, ha detto Sauvaire alla sala dei giornalisti della realizzazione del film. “È stato un modo per entrare nella vita delle persone e mescolare il divario tra documentario e finzione“.

Sauvaire, Sheridan e Penn hanno trascorso alcuni momenti sul retro delle ambulanze a New York City.

Quasi tutte le situazioni strazianti del film, dalle ferite da arma da fuoco intrise di sangue alle scene inquietanti di violenza domestica e gravidanze pericolose per la vita, erano tratte direttamente da esperienze di vita reale.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli