lunedì, Aprile 22, 2024
HomeSpettacolo e GossipSteven Spielberg, cos'è successo con Drew Barrymore durante le riprese di ET:...

Steven Spielberg, cos’è successo con Drew Barrymore durante le riprese di ET: “Mi sentivo impotente”

Steven Spielberg ha affermato che Drew Barrymore lo ha fatto sentire “impotente” durante le riprese di E.T. l’extra-terrestre, come riporta The Independent.

L’ex star bambina aveva sette anni quando recitò nel film del 1982, e proprio con il regista instaurò un profondo legame, al punto da chiedergli di essere suo padre.

Steven Spielberg, la richiesta di Drew Barrymore da piccola

In un’intervista Drew Barrymore ha affermato che Steven Spielberg era “l’unica persona nella mia vita fino ad oggi che sia mai stata una figura genitoriale“.

Da giovane l’attrice, i cui genitori erano gli attori John Drew Barrymore e Jaid Makó, aveva addirittura chiesto al regista se voleva essere suo padre.

I due collaborarono per il film di successo E.T. e Spielberg, che all’epoca aveva 36 anni, disse “no” alla richiesta, ma accettò di essere il suo padrino.

Parlando della sua collaborazione sul set con la Barrymore, Spielberg ha commentato a Vulture: “Stava alzata ben oltre l’ora di andare a letto, andava in posti di cui avrebbe dovuto solo sentire parlare e viveva una vita, in tenera età, che penso le abbia privato della sua infanzia“.

Eppure mi sentivo molto impotente perché non ero suo padre. Potevo solo essere un consigliere per lei“.

Le difficoltà dell’attrice, sino all’occasione di ET

Drew Barrymore ha descritto a lungo la sua infanzia travagliata nel libro Little Girl Lost. Da ragazza andava spesso al nightclub Studio 54.

Inoltre, ha affermato di aver provato la cocaina per la prima volta quando aveva 12 anni e di essere stata ricoverata in riabilitazione un anno dopo.

La star di Charlie’s Angels ha anche trascorso 18 mesi in un istituto ed è tornata in riabilitazione quando aveva 14 anni dopo un tentativo di suicidio. All’età di 15 anni, poi, ha presentato con successo una petizione per l’emancipazione dai suoi genitori.

Spielberg ha ammesso di aver mantenuto la magia che circondava il burattino di ET durante le riprese del film.

Non volevo far scoppiare la bolla“, ha detto Spielberg, affermando che la Barrymore si chiedeva spesso perché ci fosse un gruppo di persone che circondava l’alieno. Il regista le ha detto: “ET è così speciale che ha otto assistenti. Io sono il regista, ne ho solo uno”.

ARTICOLI CORRELATI

Ultimi Articoli